Thinking It Through A Practical Guide To Academic Essay Writing essay writing service Death Penalty Should Be Reinstated In South Africa Essay

Egalitarianism As A Revolt Against Nature And Other Essays quizlet live The Writer Of Modern Life Essays On Charles Baudelaire

Forni Avoltri

nella Grande Guerra.

 

Allo scoppio della Grande Guerra l’abitato di Forni Avoltri si trovò inevitabilmente a ridosso della prima linea del fronte che correva dal Peralba al Cogliàns. Area di confine trasformata in campo di battaglia, devastata dalla tremenda bufera che qui imperversò per 30 lunghissimi mesi.

La mostra raccoglie testimonianze e opere dei numerosi reparti che qui hanno combattuto durante la prima guerra mondiale, attraverso oggetti di trincea, manufatti bellici, munizioni, armi e riproduzioni in scala 1:1 del dormitorio in trincea trovato sul M.te Navagiust nel 2007.

VISITA SEZIONE

Mostra etnografica 

Cemùot chi èrin.

“Cemùot chi èrin” significa “come eravamo” nella melodiosa variante del friulano di Forni Avoltri.

E’ una mostra etnografica che testimonia il desiderio di tramandare alle generazioni future le radici della nostra gente, ricostruendo piccole tracce della storia di questo piccolo lembo della Carnia. 

L’allestimento è stato studiato raccogliendo gli oggetti per temi specifici: cucina, camera da letto, malga e fienagione, vari mestieri, corredo.

VISITA SEZIONE

Gino del Fabbro

Un fotografo, un territorio, una comunità

Gino del Fabbro, fotografo di Forni Avoltri, ha offerto un servizio di primaria importanza alla comunità di Forni Avoltri. Al racconto lirico delle sue celebri vedute alpine si somma un’intera produzione che racconta la vita comunitaria di Forni Avoltri e della Carnia, indubbiamente poco valorizzata e conosciuta, ma di inestimabile valore storico-sociale.

VISITA SEZIONE

La mostra permanente

 

La mostra permanente è situata nell’ex sede comunale di Forni Avoltri, in uno dei più antichi edifici del paese. Nasce per l’amore verso le proprie radici e per la storia di questa comunità di molti paesani che hanno progressivamente raccolto e donato il materiale esposto.

Si sviluppa su tre piani collegati da un ascensore: al piano primo è situata la mostra “Cemuot che Erin”, al secondo l’esposizione sulla Grande guerra a forni Avoltri, mentre al terzo si trova la collezione fotografica di Gino del Fabbro, una sala esposizioni attrezzata per conferenze e lezioni didattiche.

Orari di apertura e informazioni

 

Aperto nei mesi di luglio ed agosto.

Dal martedì al sabato: 17:00 – 18:30 | 20:30 – 22.00

Domenica: 10:00 – 12:00 | 16:00 – 18:30

Lunedì chiuso. Ingresso libero.

Per eventuali aperture strordinarie (es.nel periodo natalizio), rivolgersi preventivamente alla pro-loco di Forni Avoltri (0433 72202) o a CarniaMusei.